Vaccini, drive through al PalaTrento: una somministrazione ogni 2 minuti

2' di lettura 15/04/2021 - Zero assembramenti e una maggiore capacità di somministrazione dei sieri.

Ecco la vaccinazione anti-Covid in modalità drive trough, aperta ufficialmente nella vasta area del PalaTrento in via Fersina. In questa prima settimana di attività, i vaccini somministrati saranno 180 al giorno, nell’arco di 3 ore, ma la stima dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari è che a pieno regime si potranno superare le 600 dosi. Sul posto era presente l’assessore provinciale alla salute Stefania Segnana, affiancata dalla direttrice dell'Unità operativa di igiene e sanità pubblica del Dipartimento di prevenzione dell'Apss Maria Grazia Zuccali. L’esponente della Giunta ha messo in luce gli aspetti positivi legati alla somministrazione del vaccino effettuata direttamente in auto: “Si tratta di una sperimentazione importante per il Trentino e l’intenzione dell’Amministrazione è di replicare questa soluzione alternativa ai classici centri vaccinali in altre zone della nostra provincia, laddove saranno individuati gli ampi spazi necessari anche per la sosta delle autovetture per un lasso di tempo di 15 minuti al fine di monitorare i soggetti dopo la somministrazione del vaccino ”.

Nell’area di Trento Sud - la stessa che ospita il drive trough tamponi - è stato allestito un tendone, accanto al quale è posizionato un rimorchio messo a disposizione dalla Protezione civile del Trentino. Oltre a due medici che si occupano dell’anamnesi, sul posto sono presenti altrettanti infermieri e gli assistenti sanitari che registrano i cittadini in un apposito software e somministrano le dosi preparate dai sanitari all’interno del rimorchio.
Le auto procedono lungo due linee, affinché si possano vaccinare contemporaneamente i passeggeri di altrettante vetture, senza dover scendere dal mezzo. Le operazioni hanno una durata media di appena 2 minuti, dall’accettazione alla somministrazione, alle quali segue un quarto d’ora di attesa in una zona dedicata del parcheggio per consentire ai sanitari di intervenire tempestivamente se dovessero verificarsi eventuali reazioni avverse. Il “monitoraggio” è stato affidato al personale dell’esercito e ai Nuvola.

Per usufruire di questa opportunità, è necessario registrarsi attraverso il Cup online sul sito dell’Azienda sanitaria. L’invito è di presentarsi sul posto con un anticipo non superiore ai 5 minuti rispetto all’orario dell’appuntamento, indossando una maglietta a manica corta per facilitare la somministrazione e portando con sé la tessera sanitaria e la prenotazione.

In Trentino è stato vaccinato più del 75% dei 35mila ultra ottantenni eleggibili alla vaccinazione, mentre da alcune settimane sono iniziate le somministrazioni ai cittadini che rientrano nella fascia di età compresa tra i 70 ed i 79 anni oltre che ai pazienti “ultrafragili” (affetti da fibrosi cistica, malattie rare, oncologici e dializzati). La maggiore disponibilità di dosi e l'ampliamento delle sedi e delle ore dedicate alle sedute vaccinali hanno consentito di passare da 8.000 a 16.000 vaccinazioni a settimana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2021 alle 11:49 sul giornale del 16 aprile 2021 - 120 letture

In questo articolo si parla di attualità, trento, comunicato stampa, Provincia Autonoma di Trento

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bXC1