Trento: Controlli nei confronti dei proprietari di seconde case. Accertato omesso versamento delle imposte locali sugli immobili per più di 550 mila euro

3' di lettura 12/07/2022 - Erano formalmente residenti nella loro case di montagna, ma in realtà vi dimoravano esclusivamente per turismo, nei periodi natalizio e pasquale, per la settimana bianca e in estate.

Questo l’identikit delle oltre 140 persone individuate dalla Tenenza della Guardia di finanza di Cavalese che, per non pagare l’Imposta Municipale Semplice (Im.I.S.) sulle abitazioni acquistate, avevano fittiziamente trasferito la loro residenza in montagna, disgiungendola da quella del restante nucleo famigliare dimorante e residente nelle città di origine. Questo malcostume, nel solo periodo 2017 – 2021, considerato che nella maggior parte dei casi riguarda immobili di pregio, ha generato un ammanco di entrate, per i 18 Comuni ubicati nella circoscrizione della Tenenza di Cavalese, superiore ai 550.000 Euro, ai quali andranno addizionate le sanzioni dovute a causa dell’omesso versamento dell’imposta, pari al 30%.

La maggior parte degli episodi rilevati, collegati al numero prevalente di seconde case, si è registrato in val di Fiemme, ma anche nelle limitrofe valli di Cembra e Fassa,

I laboriosi accertamenti posti in essere dai finanzieri della Tenenza di Cavalese sui circa 2.500 nominativi forniti dai singoli Comuni, hanno ricostruito i legami famigliari, le proprietà immobiliari su tutto il territorio nazionale, la localizzazione e tipologia dell’attività lavorativa, i consumi energetici e perfino la periodicità degli smaltimenti dei rifiuti domestici dei potenziali evasori Im.I.S.. In aggiunta, la collaborazione con le Polizie Municipali ha consentito di riscontrare la prolungata assenza dei turisti presso le abitazioni di residenza, soprattutto, nei periodi di cosiddetta “fuori stagione”.

La catalogazione e l’elaborazione delle informazioni raccolte, anche con il fattivo supporto degli uffici Anagrafe e Tributi dei Comuni interessati, ha consentito di individuare oltre 140 immobili ubicati nelle valli di Fiemme, Fassa e Cembra dichiarati dai proprietari come abitazione di residenza ma, in realtà, utilizzati per finalità principalmente turistiche, sui quali non veniva assolta l’Imposta Municipale Semplice. Tale condotta, nella maggior parte dei casi rilevati, permetteva di non pagare l’imposta municipale sugli immobili, oltre che nel comune di ubicazione della seconda casa, anche con riferimento all’immobile di reale dimora della famiglia producendo, quindi, una fraudolenta doppia esenzione in capo al medesimo nucleo familiare.

Nella maggior parte dei casi l’acquisizione della residenza di uno dei coniugi nella seconda casa va fatto risalire al periodo di acquisto dell’immobile, in altri, è stato adottato addirittura da più componenti dello stesso nucleo famigliare con riferimento a più appartamenti. In tre casi l’appartamento in montagna risultava godere di agevolazione collegate al comodato concesso ai figli i quali, in realtà, risiedevano da anni all’estero.

In alcuni casi, il mancato utilizzo dell’appartamento di montagna come dimora abituale del proprietario, è risultato confermato dalla scoperta che l’abitazione era pubblicizzata nel mercato online degli affitti turistici. Evidentemente, in questi casi, i canoni di locazione percepiti, quantificati, nel periodo 2016 – 2020, in 100.000 Euro non sono stati inseriti nella dichiarazione dei redditi dei proprietari degli immobili.

L’attività posta in essere, battezzata dai finanzieri della Magnifica Comunità di Fiemme con il nome di “tributum recuperatio”, oltre che dimostrare come la collaborazione fra Istituzioni (in questo caso il Servizio Autonomie Locali della P.A.T., i Comuni, le Polizie Locali e la società che si occupa della raccolta dei rifiuti in valle di Fiemme) possa contribuire a riportare equità nella compartecipazione dei cittadini al finanziamento dei servizi pubblici, riverbera i suoi effetti positivi, non solo sulle entrate locali dei prossimi anni, ma anche sulle determinazioni dei futuri acquirenti delle seconde case. A tal proposito si segnala una recente modifica della normativa ai fini I.M.U. con la quale, ai coniugi con residenza disgiunta, viene concessa la possibilità dell’esenzione dal tributo su un solo immobile, facoltà già riconosciuta ai fini della provinciale Im.i.s..

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook di Vivere Trentino-Alto Adige .
Clicca QUI per trovare la pagina.





Questo è un articolo pubblicato il 12-07-2022 alle 11:32 sul giornale del 13 luglio 2022 - 114 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dfts