Stava, 37esimo anniversario. Fugatti: “Rispettare la natura affinché simili tragedie non si ripetano”

1' di lettura 20/07/2022 - “Il 37esimo anniversario della tragedia di Stava ricorre in un momento delicato che il Trentino sta vivendo, dopo quanto accaduto sulla Marmolada. Seppur in maniera diversa, questi due eventi hanno a che fare con i delicati equilibri tra uomo e natura. Sicurezza, prevenzione e rispetto devono dunque continuare ad essere le nostre parole d’ordine. Ricordiamo le vittime, affinché simili eventi non si ripetano”.

È questo il messaggio del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, a margine della cerimonia di commemorazione per le 268 persone che persero la vita a Stava il 19 luglio 1985. Un appuntamento istituzionale semplice ma solenne, con la santa messa celebrata da don Albino dell’Eva, alla presenza del commissario del Governo, Gianfranco Bernabei, del presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, di diversi consiglieri provinciali, del sindaco di Tesero Elena Ceschini e di tanti primi cittadini della Valle di Fiemme.
La Provincia autonoma di Trento ha partecipato con convinzione e senso di responsabilità al ricco programma di iniziative volute dalla Fondazione Stava 1985. Iniziative che rispondono al monito che il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi aveva espresso proprio a proposito di Stava: la necessità di una “memoria attiva”. “Non è infatti sufficiente ricordare e commemorare, ma bisogna che la riflessione su ciò che è accaduto determini atteggiamenti, visioni, scelte politiche” ha osservato il presidente Fugatti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2022 alle 11:36 sul giornale del 21 luglio 2022 - 103 letture

In questo articolo si parla di attualità, trento, comunicato stampa, Provincia Autonoma di Trento

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dgKJ