Merano: Scoperto B&B completamente sconosciuto al fisco, in sei anni evasi 70.000 euro di Iva

2' di lettura 24/08/2022 - La Guardia di Finanza di Merano, nell’ambito dei controlli svolti nel comparto turistico-alberghiero, ha individuato una struttura ricettiva, con annessa piscina, immersa nei lussureggianti meleti del Burgraviato che, sebbene in possesso di partita IVA e di regolare licenza e nonostante fosse presente su diversi siti internet di prenotazioni online, risultava completamente sconosciuta dal 2016, in gergo un «evasore totale».

Il «Bed & Breakfast» non presentava alcuna dichiarazione fiscale né versava tributi all’Erario; aveva omesso, inoltre, d’installare il registratore telematico, obbligatorio dal 1° gennaio 2021, strumento introdotto anche allo scopo di far emergere più agevolmente situazioni di irregolarità, in quanto in grado di memorizzare immodificabilmente gli incassi giornalieri e di trasmetterli, tramite una procedura online, direttamente all’Agenzia delle Entrate.

A fronte del nuovo obbligo telematico, i gestori dell’attività alberghiera continuavano ad emettere ricevute fiscali cartacee; circostanza che consentiva di non destare troppi sospetti da parte dei clienti, i quali si vedevano comunque corrispondere un documento fiscale a fronte degli importi corrisposti, mantenendo una parvenza di regolarità ed evitando, conseguentemente, rimostranze o segnalazioni alle autorità competenti.

La condotta illecita non è però sfuggita alle Fiamme Gialle meranesi che eseguono quotidianamente il controllo economico del territorio, con pattuglie in uniforme o in abiti civili, anche attraverso la consultazione delle banche dati in uso al Corpo e il monitoraggio della rete internet.

Il conseguente controllo fiscale eseguito dai Finanzieri ha permesso di constatare una fiorente attività nel settore ricettivo che ha prodotto un ammontare di ricavi occultati al Fisco di oltre 700.000 euro un’evasione dell’IVA pari a circa 70.000 euro. Sono, invece, risultati regolari il versamento della tassa di soggiorno e dei contributi previdenziali dei dipendenti; in sostanza, sia le casse comunali che i lavoratori assunti dalla struttura alberghiera non hanno subito alcun danno dall’attività irregolare del soggetto sottoposto a ispezione tributaria.

L’attività di contrasto alle forme di evasione fiscale rappresenta una delle prioritarie missioni istituzionali della Guardia di Finanza, il cui scopo ultimo è il rispetto delle regole e la tutela degli imprenditori onesti.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook di Vivere Trentino-Alto Adige .
Clicca QUI per trovare la pagina.





Questo è un articolo pubblicato il 24-08-2022 alle 11:44 sul giornale del 25 agosto 2022 - 123 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dl0R





logoEV