Trento: Prostituzione al centro massaggi, 3 indagati

2' di lettura 11/01/2023 - La scorsa settimana personale della Squadra Mobile di Trento, in esecuzione ad apposito decreto disposto dal G.I.P. presso il Tribunale di Rovereto su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha sequestrato un immobile sito in questo capoluogo, nei pressi dell’ospedale Santa Chiara, poiché nel medesimo, che in teoria ospitava un centro-massaggi, di fatto veniva esercitata attività di prostituzione.

L’attività d’indagine scaturiva dalle dichiarazioni di una cittadina extracomunitaria, che raccontava di essere stata assunta da una connazionale affinché esercitasse l’attività di massaggiatrice presso un immobile sito nei pressi del lago di Garda, ma che poi era stata costretta dalla donna al meretricio, così come altre sue connazionali. La sfruttatrice veniva alacremente collaborata da un italiano, che faceva da “factotum”, cercando, tra le altre cose, di risolvere i problemi personali che sorgevano tra le ragazze o rendendosi disponibile a reperire artigiani per gli interventi di manutenzione dei locali, i cui proprietari erano ignari di quanto vi avvenisse.

L’attività veniva, in un secondo momento, svolta anche in questo capoluogo, presso un secondo immobile, sito nella zona dell’ospedale e ceduto da un ulteriore cittadino italiano, risultato perfettamente a conoscenza dell’attività svolta al suo interno, della quale era pienamente co-responsabile e che favoriva con comportamenti fattivi.

L’attività non cessava neppure a seguito delle perquisizioni, svolte da questa Squadra Mobile su delega della predetta Autorità giudiziaria, che consentivano di rinvenire la somma di 14.625,00 euro in contanti, nonché vario materiale da cui si evinceva l’attività di prostituzione. Anche l’analisi dei device sequestrati nell’occasione confermava sostanzialmente quanto già emerso, ovvero che all’interno dei centri massaggi suddetti veniva di fatto esercitata attività di meretricio.

Pertanto la donna ed i due uomini venivano deferiti per i reati previsti e puniti dall’art.110 del codice penale e dagli articoli 3 e 4 della legge nr.75/58, e la predetta Autorità giudiziaria disponeva il sequestro dell’immobile sopra indicato.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook di Vivere Trentino-Alto Adige .
Clicca QUI per trovare la pagina.





Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2023 alle 11:53 sul giornale del 12 gennaio 2023 - 26 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dMsO





logoEV
qrcode