SEI IN > VIVERE TRENTINO ALTO ADIGE > CRONACA
articolo

Scoperti in Valsugana 14 lavoratori in nero, sanzioni per oltre 90 mila euro

1' di lettura
62

Nel corso di una serie di controlli i finanzieri del Comando Provinciale di Trento hanno scoperto gravi irregolarità nell’assunzione di 14 lavoratori, 12 dei quali impiegati in nero e 2 irregolari, da parte di un’impresa con sede nell’alta Valsugana operante nel settore della ristorazione.

Gli accertamenti hanno evidenziato come il personale sia stato impiegato completamente in nero, stante l’assenza della prescritta comunicazione telematica al Sistema Informativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e, in generale, di alcuna preventiva comunicazione riguardante l’instaurazione dei rispettivi rapporti di lavoro, con la conseguente inosservanza da parte del datore di lavoro dei relativi adempimenti fiscali, previdenziali e assistenziali.

I militari hanno contestato le violazioni previste con l’applicazione in particolare,della cosiddetta “maxi-sanzione per lavoro nero”, irrogata a scaglioni, in relazione alla durata del rapporto irregolare di lavoro e delle plurime violazioni scaturenti dall’uso improprio del contante per retribuire i lavoratori, in luogo di pagamenti tracciati. Inoltre, è stata proposta al competente Ufficio Ispettivo del Lavoro della Provincia autonoma di Trento l’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.



Questo è un articolo pubblicato il 18-04-2024 alle 11:44 sul giornale del 19 aprile 2024 - 62 letture






qrcode